L’Europa mediterranea alza la voce. Ma i falchi di Berlino la rimettono a cuccia