Il "diritto vivente" come parametro di riconoscimento della sentenza penale straniera