Con questo libro si intende tracciare un bilancio delle più significative esperienze di progettazione contemporanea legate a concorsi svolti in Italia negli ultimi vent’anni e nel contempo evidenziare qualità e limiti di procedure che attraverso il progetto consentono di meglio definire il programma. Le innovazioni normative hanno purtroppo solo in minima parte fatto tesoro delle esperienze condotte in altri Paesi europei che ormai da diversi anni hanno sperimentato l’efficacia di un’organica politica dei concorsi. Concorsi sono stati banditi per la riqualificazione di aree dismesse, il recupero di beni architettonici e ambientali, la progettazione di edifici e spazi pubblici, di infrastrutture nel paesaggio, a dimostrazione del fatto che è sempre più sentita in Italia l’esigenza di mettere a punto procedure chiare e condivise. Problemi legati alla comunicazione, alla programmazione, all’individuazione delle tipologie di concorso più adatte alle singole occasioni di trasformazione e riqualificazione, permangono quali aspetti profondamente carenti nel panorama nazionale. Le esperienze offerte da strumenti normativi a livello regionale, legate al finanziamento delle fasi di concorso, e dalle possibilità di costruire profili formativi dedicati a figure professionali specializzate nella definizione e gestione di concorsi, sono solo alcune delle opportunità che si stanno profilando in questa fase di profonde trasformazioni in Italia.

Progetto per il Programma. Concorsi di architettura in Italia: un bilancio critico

MASSARENTE, Alessandro
2015

Abstract

Con questo libro si intende tracciare un bilancio delle più significative esperienze di progettazione contemporanea legate a concorsi svolti in Italia negli ultimi vent’anni e nel contempo evidenziare qualità e limiti di procedure che attraverso il progetto consentono di meglio definire il programma. Le innovazioni normative hanno purtroppo solo in minima parte fatto tesoro delle esperienze condotte in altri Paesi europei che ormai da diversi anni hanno sperimentato l’efficacia di un’organica politica dei concorsi. Concorsi sono stati banditi per la riqualificazione di aree dismesse, il recupero di beni architettonici e ambientali, la progettazione di edifici e spazi pubblici, di infrastrutture nel paesaggio, a dimostrazione del fatto che è sempre più sentita in Italia l’esigenza di mettere a punto procedure chiare e condivise. Problemi legati alla comunicazione, alla programmazione, all’individuazione delle tipologie di concorso più adatte alle singole occasioni di trasformazione e riqualificazione, permangono quali aspetti profondamente carenti nel panorama nazionale. Le esperienze offerte da strumenti normativi a livello regionale, legate al finanziamento delle fasi di concorso, e dalle possibilità di costruire profili formativi dedicati a figure professionali specializzate nella definizione e gestione di concorsi, sono solo alcune delle opportunità che si stanno profilando in questa fase di profonde trasformazioni in Italia.
2015
9788860558305
concorsi di architettura, patrimonio architettonico, aree dismesse, teorie e tecniche del progetto, committenti e concorsi, promozione comunicazione partecipazione nei concorsi, programmazione e gestione dei concorsi, quadro normativo nazionale per i concorsi, buone pratiche e opportunità legislative
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2341289
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact