L'articolo analizza la legittimità della prassi delle esecuzioni mirate di sospetti terroristi alla luce delle norme internazionali che tutelano il diritto alla vita. Partendo dalla premessa che questo diritto è oggetto di una tutela differenziata in tempo di pace, nel corso di un conflitto armato internazionale e nel corso di un conflitto interno, l'A. definisce il regime giuridico pertinente con riferimento specifico alle esecuzioni mirate perpetrate dagli Stati Uniti nel contesto della "war on terror" e da Israele nei Territori palestinesi occupati.

Esecuzioni mirate di sospetti terroristi e diritto alla vita

ANNONI, Alessandra
2008

Abstract

L'articolo analizza la legittimità della prassi delle esecuzioni mirate di sospetti terroristi alla luce delle norme internazionali che tutelano il diritto alla vita. Partendo dalla premessa che questo diritto è oggetto di una tutela differenziata in tempo di pace, nel corso di un conflitto armato internazionale e nel corso di un conflitto interno, l'A. definisce il regime giuridico pertinente con riferimento specifico alle esecuzioni mirate perpetrate dagli Stati Uniti nel contesto della "war on terror" e da Israele nei Territori palestinesi occupati.
Annoni, Alessandra
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2329091
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact