L'articolo analizza la struttura e gli effetti della sentenza costituzionale n. 162/2014 (che ha dichiarato illegittimo il divieto legislativo di fecondazione c.d. eterologa), rispondendo alla critiche che - da talune parti - le sono state mosse. Ne emerge che la sentenza s'inquadra perfettamente nei più recenti orientamenti giurisprudenziali in materia di biodiritto, possedendo una sua inossidabile logica interna. Al contempo si analizzano in dettaglio e si sottolineano le aporie giuridiche sottese alle critiche che l'hanno accompagnata.

La legge sulla procreazione assistita perde un altro pilastro: illegittimo il divieto assoluto di fecondazione eterologa

VERONESI, Paolo
2015

Abstract

L'articolo analizza la struttura e gli effetti della sentenza costituzionale n. 162/2014 (che ha dichiarato illegittimo il divieto legislativo di fecondazione c.d. eterologa), rispondendo alla critiche che - da talune parti - le sono state mosse. Ne emerge che la sentenza s'inquadra perfettamente nei più recenti orientamenti giurisprudenziali in materia di biodiritto, possedendo una sua inossidabile logica interna. Al contempo si analizzano in dettaglio e si sottolineano le aporie giuridiche sottese alle critiche che l'hanno accompagnata.
Procreazione assistita, Fecondazione eterologa, Corte costituzionale, Illegittimità
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Veronesi_Estratto IdF (1.2015).pdf

accesso aperto

Descrizione: Saggio contenuto in Rivista
Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 201.54 kB
Formato Adobe PDF
201.54 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/2323216
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact