La Corte di cassazione applica l'art. 159 c.p.p. al testimone (d'accusa) non comparso, dovendo egli essere ricercato in tutti i luoghi indicati dalla norma e in ogni altro che si renda opportuno date le peculiarità del contesto concreto. Solo dopo aver compiuto infruttuosamente tali ricerche, il giudice potrà ritenere l'irreperibilità del teste (con motivazione non apparente, non manifestamente illogica e non contraddittoria), consentendo, alle altre condizioni contemplate dall'art. 512 c.p.p., la lettura delle sue dichiarazioni pre-dibattimentali.

Teste d'accusa non reperibile, letture e diritto al confronto

TRAPELLA, Francesco
2012

Abstract

La Corte di cassazione applica l'art. 159 c.p.p. al testimone (d'accusa) non comparso, dovendo egli essere ricercato in tutti i luoghi indicati dalla norma e in ogni altro che si renda opportuno date le peculiarità del contesto concreto. Solo dopo aver compiuto infruttuosamente tali ricerche, il giudice potrà ritenere l'irreperibilità del teste (con motivazione non apparente, non manifestamente illogica e non contraddittoria), consentendo, alle altre condizioni contemplate dall'art. 512 c.p.p., la lettura delle sue dichiarazioni pre-dibattimentali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2139018
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact