Per una nuova interpretazione della virtù socratica. L' 'areté' tra conoscenza disposizionale e riflessione etica