La memoria presenta il prodotto di una ricerca finalizzata alla valutazione di opportune operazioni di riqualificazione energetica sul patrimonio edilizio residenziale sociale di ACER (Azienda Casa Emilia Romagna). Nello specifico, l’articolo si concentra sulla fase di audit energetico che ha consentito di sviluppare, attraverso un approccio metodologico di tipo bottom-up, un protocollo di diagnosi e riqualificazione energetica parametrica applicabile facilmente e velocemente a estesi cluster urbani. L’iter metodologico ha previsto un censimento del parco edilizio pubblico/sociale della Regione Emilia Romagna, per quantificare il numero di alloggi e metterne in luce lo stato di degrado tecnologico/energetico. In seguito, una campagna di rilievo triennale sul territorio ha consentito di raccogliere informazioni complete su un campione di oltre settanta edifici attualmente gestiti dalle ACER Provinciali (con particolare riferimento a quelle di Reggio Emilia e Ferrara). I dati raccolti, relativi al sistema edificio-impianto, hanno permesso di condurre diverse analisi impiegando i metodi di valutazione delle prestazioni energetiche oggi disponibili: valutazione dei consumi reali, calcolo analitico in regime mediamente stazionario (metodo standard UNI TS 11300, parti 1 e 2), calcolo in regime dinamico; ciò ha permesso di ottenere risultati con crescente livello di dettaglio. Gli output prodotti hanno messo in luce le criticità tecnologico-impiantistiche che caratterizzano l’edilizia sociale, evidenziando i parametri che maggiormente incidono sulla sua prestazione energetica. In conformità a questi è stato possibile, in primis, elaborare una classificazione degli edifici in ragione della loro età e delle loro peculiarità tecnologiche e impiantistiche; in seguito, alle diverse categorie, indicative di un range di valori di EPgl, è stato possibile associare le idonee tipologie di intervento. In secondo luogo si è potuto sviluppare il protocollo di diagnosi energetica parametrica, cui, in una successiva fase della ricerca, è stato associato un modulo di riqualificazione. La ricerca ha infine prodotto due risultati: un manuale di linee guida per la riqualificazione energetica del settore residenziale sociale, contenente indicazioni formulate sulla base della classificazione degli edifici operata in precedenza; la traduzione del protocollo in un’applicazione informatica user frendly, UPPER (Urban Parametric Protocol for Energy Retrofit), finalizzata a semplificare le operazioni di audit energetico per gli operatori delle amministrazioni pubbliche e degli enti preposti alla gestione dell’edilizia sociale.

ELABORAZIONE DI UN PROTOCOLLO DI DIAGNOSI E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA PARAMETRICA PER L’EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE

BELPOLITI, Vittorino
2012

Abstract

La memoria presenta il prodotto di una ricerca finalizzata alla valutazione di opportune operazioni di riqualificazione energetica sul patrimonio edilizio residenziale sociale di ACER (Azienda Casa Emilia Romagna). Nello specifico, l’articolo si concentra sulla fase di audit energetico che ha consentito di sviluppare, attraverso un approccio metodologico di tipo bottom-up, un protocollo di diagnosi e riqualificazione energetica parametrica applicabile facilmente e velocemente a estesi cluster urbani. L’iter metodologico ha previsto un censimento del parco edilizio pubblico/sociale della Regione Emilia Romagna, per quantificare il numero di alloggi e metterne in luce lo stato di degrado tecnologico/energetico. In seguito, una campagna di rilievo triennale sul territorio ha consentito di raccogliere informazioni complete su un campione di oltre settanta edifici attualmente gestiti dalle ACER Provinciali (con particolare riferimento a quelle di Reggio Emilia e Ferrara). I dati raccolti, relativi al sistema edificio-impianto, hanno permesso di condurre diverse analisi impiegando i metodi di valutazione delle prestazioni energetiche oggi disponibili: valutazione dei consumi reali, calcolo analitico in regime mediamente stazionario (metodo standard UNI TS 11300, parti 1 e 2), calcolo in regime dinamico; ciò ha permesso di ottenere risultati con crescente livello di dettaglio. Gli output prodotti hanno messo in luce le criticità tecnologico-impiantistiche che caratterizzano l’edilizia sociale, evidenziando i parametri che maggiormente incidono sulla sua prestazione energetica. In conformità a questi è stato possibile, in primis, elaborare una classificazione degli edifici in ragione della loro età e delle loro peculiarità tecnologiche e impiantistiche; in seguito, alle diverse categorie, indicative di un range di valori di EPgl, è stato possibile associare le idonee tipologie di intervento. In secondo luogo si è potuto sviluppare il protocollo di diagnosi energetica parametrica, cui, in una successiva fase della ricerca, è stato associato un modulo di riqualificazione. La ricerca ha infine prodotto due risultati: un manuale di linee guida per la riqualificazione energetica del settore residenziale sociale, contenente indicazioni formulate sulla base della classificazione degli edifici operata in precedenza; la traduzione del protocollo in un’applicazione informatica user frendly, UPPER (Urban Parametric Protocol for Energy Retrofit), finalizzata a semplificare le operazioni di audit energetico per gli operatori delle amministrazioni pubbliche e degli enti preposti alla gestione dell’edilizia sociale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1737710
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact