La Rocca di Cento è un esempio di struttura militare-difensiva che non trae origine da edifici precedenti ma costituisce il frutto, pianificato, di una strategia politica tesa al controllo della popolazione locale (la comunità di Cento) e alla sua difesa. La sua vicenda architettonico-costruttiva trova una specifica spiegazione in determinate connotazioni socio-politiche tardo trecentesche di questo territorio ed è il suo sviluppo nel tempo a segnare i passaggi più significativi delle sue trasformazioni. L’insieme dei dati raccolti da un’attenta analisi archeologica dello scavo e dei materiali nonchè dal contributo delle indagini botaniche hanno permesso la ricostruzione completa della vicenda specifica di un sito negli aspetti materiali ed economici contestualizzandola con la complessità sociale che l'ha prodotto. In particolare le analisi archeobotaniche hanno permesso di ricostruire l’ambiente e il paesaggio vegetale circostante la Rocca in epoca bassomedievale, fornendo indicazioni sull’impatto antropico dell’uomo sul clima e sulla dieta alimentare dei militari nella guarnigione.

Il contributo delle indagini botaniche alla ricostruzione dell’ambiente e del paesaggio vegetale circostante la Rocca di Cento nel Basso Medioevo (Cento-Ferrara)

MARCHESINI, Marco;MARVELLI, SILVIA
2006

Abstract

La Rocca di Cento è un esempio di struttura militare-difensiva che non trae origine da edifici precedenti ma costituisce il frutto, pianificato, di una strategia politica tesa al controllo della popolazione locale (la comunità di Cento) e alla sua difesa. La sua vicenda architettonico-costruttiva trova una specifica spiegazione in determinate connotazioni socio-politiche tardo trecentesche di questo territorio ed è il suo sviluppo nel tempo a segnare i passaggi più significativi delle sue trasformazioni. L’insieme dei dati raccolti da un’attenta analisi archeologica dello scavo e dei materiali nonchè dal contributo delle indagini botaniche hanno permesso la ricostruzione completa della vicenda specifica di un sito negli aspetti materiali ed economici contestualizzandola con la complessità sociale che l'ha prodotto. In particolare le analisi archeobotaniche hanno permesso di ricostruire l’ambiente e il paesaggio vegetale circostante la Rocca in epoca bassomedievale, fornendo indicazioni sull’impatto antropico dell’uomo sul clima e sulla dieta alimentare dei militari nella guarnigione.
2006
9788878143227
archeologia; archeobotanica; Rocca di Cento; paesaggio vegetale; Medioevo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1737542
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact