Questo volume raccoglie gli scavi archeologici effettuati nel giardino di Ca' Vendramin Calergi sul Canal Grande ovvero nella sede del Casinò Municipale di Venezia. Nessuno avrebbe pensato che quella zona, da secoli dedicata al verde, nascondesse un vero tesoro archeologico stratificato, un sito di grande interesse per l'ottimo stato di conservazione dei numerosissimi reperti rinvenuti e per le diverse datazioni emerse dalle fasi di scavo, fasi che vanno dal VI secolo fino al XVI. Si tratta di una delle aree archeologiche più importanti finora rinvenute a Venezia che ha permesso di comprendere meglio la vita e l'evoluzione di una Venezia prima di Venezia. Il volume documenta la campagna di scavo e le diverse analisi scientifiche condotte con testi di esperti e fotografie. Il contributo del presente lavoro, primo archeopalinologico effettuato a Venezia, illustra i risultati delle indagini archeopalinologiche effettuate su campioni prelevati dal sito per tentare di ricostruire il paesaggio vegetale e l'ambiente circostante l'area nel corso dei secoli, fornendo interessanti informazioni relative non solo alla flora e alla vegetazione ma anche all'impatto dell'uomo sull'ambiente circostante in aggiunta ad alcune considerazioni sul clima. Complessivamente il paesaggio emerso dagli spettri pollinici risulta piuttosto aperto in tutte e quattro le fasi studiate: i taxa arborei rimangono sempre sullo sfondo del paesaggio; rilevante è la presenza di zone umide con igrofite erbacee e, in minor precentuale, di igrofite arboree. L'attestazione di idro/elofite erbacee è invece limitata alla fase di abbandono/tombamento di alcune strutture. La copertura vegetale è caratterizzata da elementi appartenenti a boschi di Latifoglie Decidue, in particolare da Querce caducifoglie, Frassini, Olmi, Carpini, Tigli, Nocciolo, ecc. e da una rilevante presenza di Conifere (Pini, Abete bianco). L'attività antropica è rilevante in tutti i campioni analizzati e soprattutto quella collegata ai cereali e alla loro trasformazione/immagazzinamento e commercio; si sono rinvenuti inoltre alcuni interessanti granuli pollinici di Vite che sembrerebbero documentare anche preocessi legati alla trasformazione dell'uva in vino. Intorno all'area insediativa o nelle sue immediate vicinanze erano probabilmente presenti orti/giardini in cui vegetavano alberi da frutto (Noci, diversi Pruni, Sorbo, Olivo, ecc.) e specie ortive erbacee come aglio, cicoria comune, ecc. oltre alla presenza di piante ornamentali come rose e viole. In tutti i periodi presi in esame dall'analisi pollinica risulta significativa la diffusione di piante ruderali/nitrofile indicatrici di calpestio accompagnate da diverse Graminacee spontanee e Cicorioidee oltre all'elevata presenza di Indicatori Antropici Spontanei. Lo studio palinologico ha infine fornito indicazioni sul clima nelle diverse fasi e alcune importanti informazioni sulle abitudini alimentari dei veneziani in epoca medievale e rinascimentale, alimentazione ricca di cibi a base di vari tipi di cereali, diverse specie di verdura e frutta e, di vino, fra le bevande di sicura produzione locale.

Indagini archeopalinologiche presso Cà Vendramin Calergi

MARCHESINI, Marco;MARVELLI, SILVIA
2005

Abstract

Questo volume raccoglie gli scavi archeologici effettuati nel giardino di Ca' Vendramin Calergi sul Canal Grande ovvero nella sede del Casinò Municipale di Venezia. Nessuno avrebbe pensato che quella zona, da secoli dedicata al verde, nascondesse un vero tesoro archeologico stratificato, un sito di grande interesse per l'ottimo stato di conservazione dei numerosissimi reperti rinvenuti e per le diverse datazioni emerse dalle fasi di scavo, fasi che vanno dal VI secolo fino al XVI. Si tratta di una delle aree archeologiche più importanti finora rinvenute a Venezia che ha permesso di comprendere meglio la vita e l'evoluzione di una Venezia prima di Venezia. Il volume documenta la campagna di scavo e le diverse analisi scientifiche condotte con testi di esperti e fotografie. Il contributo del presente lavoro, primo archeopalinologico effettuato a Venezia, illustra i risultati delle indagini archeopalinologiche effettuate su campioni prelevati dal sito per tentare di ricostruire il paesaggio vegetale e l'ambiente circostante l'area nel corso dei secoli, fornendo interessanti informazioni relative non solo alla flora e alla vegetazione ma anche all'impatto dell'uomo sull'ambiente circostante in aggiunta ad alcune considerazioni sul clima. Complessivamente il paesaggio emerso dagli spettri pollinici risulta piuttosto aperto in tutte e quattro le fasi studiate: i taxa arborei rimangono sempre sullo sfondo del paesaggio; rilevante è la presenza di zone umide con igrofite erbacee e, in minor precentuale, di igrofite arboree. L'attestazione di idro/elofite erbacee è invece limitata alla fase di abbandono/tombamento di alcune strutture. La copertura vegetale è caratterizzata da elementi appartenenti a boschi di Latifoglie Decidue, in particolare da Querce caducifoglie, Frassini, Olmi, Carpini, Tigli, Nocciolo, ecc. e da una rilevante presenza di Conifere (Pini, Abete bianco). L'attività antropica è rilevante in tutti i campioni analizzati e soprattutto quella collegata ai cereali e alla loro trasformazione/immagazzinamento e commercio; si sono rinvenuti inoltre alcuni interessanti granuli pollinici di Vite che sembrerebbero documentare anche preocessi legati alla trasformazione dell'uva in vino. Intorno all'area insediativa o nelle sue immediate vicinanze erano probabilmente presenti orti/giardini in cui vegetavano alberi da frutto (Noci, diversi Pruni, Sorbo, Olivo, ecc.) e specie ortive erbacee come aglio, cicoria comune, ecc. oltre alla presenza di piante ornamentali come rose e viole. In tutti i periodi presi in esame dall'analisi pollinica risulta significativa la diffusione di piante ruderali/nitrofile indicatrici di calpestio accompagnate da diverse Graminacee spontanee e Cicorioidee oltre all'elevata presenza di Indicatori Antropici Spontanei. Lo studio palinologico ha infine fornito indicazioni sul clima nelle diverse fasi e alcune importanti informazioni sulle abitudini alimentari dei veneziani in epoca medievale e rinascimentale, alimentazione ricca di cibi a base di vari tipi di cereali, diverse specie di verdura e frutta e, di vino, fra le bevande di sicura produzione locale.
2005
9788831788915
archeopalinologia; Venezia; paesaggio vegetale; Ca' Vendramin Calergi; Canal Grande
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1737523
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact