Schopenhauer e Goethe: il battesimo di un inattuale