Sull'impossibilità di "frammentare" la funzione parlamentare