A cento anni di distanza dalla stagione cubista, a cento anni esatti dal saggio Du Cubisme pubblicato da Jean Metzinger e Albert Gleizes, ben conosciamo i canoni del movimento cubista e come la realtà venisse trasfigurata da quegli artisti. Tuttavia ci chiediamo ancora come quei canoni si traducessero in concreto nelle opere: quali scelte di materiali, quali riflessioni sulla impostazione dello spazio abbiano condotto alla realizzazione dei dipinti. Nel caso di Au Velodrome il soggetto è il movimento. Non è un insieme di oggetti statici, un ritratto in posa o un paesaggio. Di più: è un fatto di cronaca, riportato in fotografia sui giornali dell'epoca. L'artista ricorda e vuole far ricordare quelle fotografie, sovrapponendovi il suo modo di rappresentare la realtà. Raccogliere informazioni inedite su questa fase di progettazione e poi di realizzazione dell'opera è stato lo scopo della campagna di studio dei materiali e della tecnica pittorica che si è eseguita con diagnostiche fisiche assolutamente non invasive, senza prelievi, cioè, di materiali, e senza contatto con l'opera stessa.

"Al Velodromo" di Jean Metzinger: un'indagine non-invasiva dei materiali e della tecnica pittorica

PETRUCCI, Ferruccio Carlo;CAFORIO, Lucia Anna;PECCENINI, Eva;PELLICORI, Virginia
2012

Abstract

A cento anni di distanza dalla stagione cubista, a cento anni esatti dal saggio Du Cubisme pubblicato da Jean Metzinger e Albert Gleizes, ben conosciamo i canoni del movimento cubista e come la realtà venisse trasfigurata da quegli artisti. Tuttavia ci chiediamo ancora come quei canoni si traducessero in concreto nelle opere: quali scelte di materiali, quali riflessioni sulla impostazione dello spazio abbiano condotto alla realizzazione dei dipinti. Nel caso di Au Velodrome il soggetto è il movimento. Non è un insieme di oggetti statici, un ritratto in posa o un paesaggio. Di più: è un fatto di cronaca, riportato in fotografia sui giornali dell'epoca. L'artista ricorda e vuole far ricordare quelle fotografie, sovrapponendovi il suo modo di rappresentare la realtà. Raccogliere informazioni inedite su questa fase di progettazione e poi di realizzazione dell'opera è stato lo scopo della campagna di studio dei materiali e della tecnica pittorica che si è eseguita con diagnostiche fisiche assolutamente non invasive, senza prelievi, cioè, di materiali, e senza contatto con l'opera stessa.
9780892074877
Tecnica pittorica; diagnostiche per immagini; tecniche non-invasive; materiali pittorici
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1683083
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact