Nel presente lavoro vengono riportati i risultati delle analisi archeometriche condotte su un gruppo di reperti archeologici provenienti dalla necropoli di Spina in Valle Trebba, attualmente conservati presso il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara. In particolare, sono stati analizzati alcuni manufatti in lega metallica rinvenuti durante gli scavi condotti fra il 1922 e il 1935. I reperti sono stati dapprima sottoposti ad osservazione allo stereomicroscopio al fine di valutarne lo stato di conservazione e di individuare gli effetti di precedenti interventi di restauro. In seguito sono state utilizzate tecniche di tipo non invasivo, quali la microscopia elettronica a scansione (SEM) e la fluorescenza di raggi X (XRF) allo scopo di caratterizzare i reperti dal punto di vista morfologico e composizionale. Alcuni frammenti sono stati inoltre osservati al microscopio ottico metallografico (OM) e mediante termografia infrarossa (IR), al fine di evidenziarne la microstruttura. L’attività di ricerca ha avuto come obiettivo quello di approfondire la conoscenza di manufatti metallici non ancora esposti allo scopo di definire le condizioni conservative più idonee.

Analisi archeometriche di reperti ornamentali provenienti dalla necropoli di Spina in Valle Trebba

SOFFRITTI, Chiara;VACCARO, Carmela;GARAGNANI, Gian Luca
2012

Abstract

Nel presente lavoro vengono riportati i risultati delle analisi archeometriche condotte su un gruppo di reperti archeologici provenienti dalla necropoli di Spina in Valle Trebba, attualmente conservati presso il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara. In particolare, sono stati analizzati alcuni manufatti in lega metallica rinvenuti durante gli scavi condotti fra il 1922 e il 1935. I reperti sono stati dapprima sottoposti ad osservazione allo stereomicroscopio al fine di valutarne lo stato di conservazione e di individuare gli effetti di precedenti interventi di restauro. In seguito sono state utilizzate tecniche di tipo non invasivo, quali la microscopia elettronica a scansione (SEM) e la fluorescenza di raggi X (XRF) allo scopo di caratterizzare i reperti dal punto di vista morfologico e composizionale. Alcuni frammenti sono stati inoltre osservati al microscopio ottico metallografico (OM) e mediante termografia infrarossa (IR), al fine di evidenziarne la microstruttura. L’attività di ricerca ha avuto come obiettivo quello di approfondire la conoscenza di manufatti metallici non ancora esposti allo scopo di definire le condizioni conservative più idonee.
archeometallurgia; metallografia; Spina; necropoli; microstruttura.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1636667
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact