Questo articolo descrive la Smart Lift technique, ovvero una tecnica mini-invasiva per il rialzo del seno con accesso attraverso la cresta ossea residua. Tale procedura è basata sull’uso controllato di frese e osteotomi. Il suo razionale è ottenere un rialzo prevedibile del pavimento osseo del seno mascellare1 sfruttando come innesto dotato di capacità osteoinduttiva [N.d.T.: di indurre attivamente la rigenerazione ossea a partire da cellule progenitrici] l’osso residuo presente in situ e2 limitando l’incidenza statistica della perforazione accidentale della membrana sinusale e il tasso di morbilità postchirurgica. Gli step chirurgici di tale procedura sono qui illustrati nei dettagli facendo riferimento a un caso clinico esemplare. La tecnica Smart Lift si è dimostrata adatta a ottenere l’elevazione del seno mascellare e a fornire una stabilità intraorale degli impianti per un periodo di follow-up di un anno dalla chirurgia implantare. Non si sono presentate complicazioni né intraoperatorie né postchirurgiche. Alle indagini radiografiche periapicali si osservava un’area radio-opaca al di sopra della porzione apicale dell’impianto e quindi corrispondente alla zona del pavimento osseo del seno mascellare andata incontro a aumento volumetrico.

Una tecnica minimamente invasiva per il rialzo del seno mascellare tramite accesso transcrestale: caso clinico.

TROMBELLI, Leonardo;FRANCESCHETTI, Giovanni;MINENNA, Luigi;FARINA, Roberto
2011

Abstract

Questo articolo descrive la Smart Lift technique, ovvero una tecnica mini-invasiva per il rialzo del seno con accesso attraverso la cresta ossea residua. Tale procedura è basata sull’uso controllato di frese e osteotomi. Il suo razionale è ottenere un rialzo prevedibile del pavimento osseo del seno mascellare1 sfruttando come innesto dotato di capacità osteoinduttiva [N.d.T.: di indurre attivamente la rigenerazione ossea a partire da cellule progenitrici] l’osso residuo presente in situ e2 limitando l’incidenza statistica della perforazione accidentale della membrana sinusale e il tasso di morbilità postchirurgica. Gli step chirurgici di tale procedura sono qui illustrati nei dettagli facendo riferimento a un caso clinico esemplare. La tecnica Smart Lift si è dimostrata adatta a ottenere l’elevazione del seno mascellare e a fornire una stabilità intraorale degli impianti per un periodo di follow-up di un anno dalla chirurgia implantare. Non si sono presentate complicazioni né intraoperatorie né postchirurgiche. Alle indagini radiografiche periapicali si osservava un’area radio-opaca al di sopra della porzione apicale dell’impianto e quindi corrispondente alla zona del pavimento osseo del seno mascellare andata incontro a aumento volumetrico.
Trombelli, Leonardo; Minenna, P.; Franceschetti, Giovanni; Minenna, Luigi; Itro, A.; Farina, Roberto
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1594266
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact