. Se “tollerare” significa ammettere che nella comunità civile esistano forme di culto, fedi ed interpretazioni dei dogmi diverse da quelle ufficialmente approvate dallo Stato, la sostanza del problema sta nel distinguere se ciò sia utile o nocivo per la società; se sia compatibile o meno con lo spirito autentico della religione cristiana, ad esempio, e se sia infine razionalmente accettabile, condannabile o consigliabile. La Scienza dell’Educazione entra nel dibattito chiedendosi se la tolleranza possa rientrare tra le caratteristiche ideali che compongono il paradigma educazionalità, suo oggetto di ricerca.

Tolleranza

FARINA, Silvia
In corso di stampa

Abstract

. Se “tollerare” significa ammettere che nella comunità civile esistano forme di culto, fedi ed interpretazioni dei dogmi diverse da quelle ufficialmente approvate dallo Stato, la sostanza del problema sta nel distinguere se ciò sia utile o nocivo per la società; se sia compatibile o meno con lo spirito autentico della religione cristiana, ad esempio, e se sia infine razionalmente accettabile, condannabile o consigliabile. La Scienza dell’Educazione entra nel dibattito chiedendosi se la tolleranza possa rientrare tra le caratteristiche ideali che compongono il paradigma educazionalità, suo oggetto di ricerca.
Farina, Silvia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/1527568
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact