Il presente contributo riflette sul modello di "governo di sé" proposto da tre filosofi tedeschi, Kant, Fichte e Schopenhauer. Al di là della differenze sistematiche esso svolge infatti in tutti e tre un ruolo di primo piano nel definire il rapporto tra sé e il mondo, tanto in ambito teoretico, quanto in ambito pratico e politico. In questo modo si può verificare una più generale condivisione della comprensione dell'uomo nella filosofia tedesca a cavallo tra 18° e 19° secolo.

Variations sur le gouvernement de soi. Kant, Fichte, Schopenhauer

D'ALFONSO, Matteo Vincenzo
2010

Abstract

Il presente contributo riflette sul modello di "governo di sé" proposto da tre filosofi tedeschi, Kant, Fichte e Schopenhauer. Al di là della differenze sistematiche esso svolge infatti in tutti e tre un ruolo di primo piano nel definire il rapporto tra sé e il mondo, tanto in ambito teoretico, quanto in ambito pratico e politico. In questo modo si può verificare una più generale condivisione della comprensione dell'uomo nella filosofia tedesca a cavallo tra 18° e 19° secolo.
9783487144993
gouvernement de soi; Kant; Fichte; Schopenhauer
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1525350
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact