La recensione del volume di P. Meirieu, J. Liesenborghs, "Infanzia, educazione e nuovi media", vuole rimarcare come, a fronte di un'infanzia plasmata sempre più dall'eccessivo uso della TV, sia importante l'opera dell'insegnante e della scuola. Attraverso l'educazione che riceve a scuola, infatti, il bambino impara il tempo dell'attesa, della faticosa ma imprescindibile conquista di saperi e di mappe concettuali che permettono, nell'ottica dell'educazione quale oggetto di Scienza dell'educazione, di perseguire costantemente il miglioramento continuo di se stesso e del mondo che lo circonda.

P. Meirieu, J. Liesenborghs, "Infanzia, educazione e nuovi media"

RANON, Anna
2009

Abstract

La recensione del volume di P. Meirieu, J. Liesenborghs, "Infanzia, educazione e nuovi media", vuole rimarcare come, a fronte di un'infanzia plasmata sempre più dall'eccessivo uso della TV, sia importante l'opera dell'insegnante e della scuola. Attraverso l'educazione che riceve a scuola, infatti, il bambino impara il tempo dell'attesa, della faticosa ma imprescindibile conquista di saperi e di mappe concettuali che permettono, nell'ottica dell'educazione quale oggetto di Scienza dell'educazione, di perseguire costantemente il miglioramento continuo di se stesso e del mondo che lo circonda.
Educazione; scuola; Scienza dell'educazione; mass media; televisione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1435936
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact