La modellazione a scala di bacino della Piana del Fucino si prefiggeva di quantificare gli apporti idrici dagli acquiferi carbonatici verso la Piana e la loro influenza sulla circolazione idrica sotterranea, al fine di individuare gli eventuali squilibri e progettare proposte di intervento. Per implementare la simulazione di flusso idrico sotterraneo all’interno dei sedimenti alluvionali che costituiscono la Piana, è stato redatto un modello idrogeologico concettuale che si avvaleva di una consistente letteratura con oltre 200 stratigrafie, di portate medie delle sorgenti e di pozzi, di numerose campagne piezometriche e dati termopluviometrici. Durante il processo di calibrazione si è ricostruita la variazione spaziale della conducibilità idraulica fra diverse unità idrogeologiche e tramite l’analisi di sensibilità è stata determinata l’incertezza legata ai valori di permeabilità assegnati alle singole unità ed alle condizioni al contorno. Il grado di accuratezza con cui il modello simula il sistema reale è da considerarsi buono grazie ai numerosi punti di controllo, sia di misure piezometriche che di portate registrate (sorgenti e canali). I risultati della simulazione mostrano una situazione di squilibrio idrico nella zona di Avezzano, dovuto a prelievi ed alla bassa permeabilità dei sedimenti; inoltre è stata accertata la forte interazione fra l’acquifero e la rete di canali drenanti che impediscono l’impaludamento dell’area.

Modellazione numerica per la gestione delle risorse idriche sotterranee nella Piana del Fucino (L’Aquila)

COLOMBANI, Nicolo';MASTROCICCO, Micol;
2007

Abstract

La modellazione a scala di bacino della Piana del Fucino si prefiggeva di quantificare gli apporti idrici dagli acquiferi carbonatici verso la Piana e la loro influenza sulla circolazione idrica sotterranea, al fine di individuare gli eventuali squilibri e progettare proposte di intervento. Per implementare la simulazione di flusso idrico sotterraneo all’interno dei sedimenti alluvionali che costituiscono la Piana, è stato redatto un modello idrogeologico concettuale che si avvaleva di una consistente letteratura con oltre 200 stratigrafie, di portate medie delle sorgenti e di pozzi, di numerose campagne piezometriche e dati termopluviometrici. Durante il processo di calibrazione si è ricostruita la variazione spaziale della conducibilità idraulica fra diverse unità idrogeologiche e tramite l’analisi di sensibilità è stata determinata l’incertezza legata ai valori di permeabilità assegnati alle singole unità ed alle condizioni al contorno. Il grado di accuratezza con cui il modello simula il sistema reale è da considerarsi buono grazie ai numerosi punti di controllo, sia di misure piezometriche che di portate registrate (sorgenti e canali). I risultati della simulazione mostrano una situazione di squilibrio idrico nella zona di Avezzano, dovuto a prelievi ed alla bassa permeabilità dei sedimenti; inoltre è stata accertata la forte interazione fra l’acquifero e la rete di canali drenanti che impediscono l’impaludamento dell’area.
Colombani, Nicolo'; Mastrocicco, Micol; Segato, M.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/1430515
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact