La riaffermazione dell’identità di Brindisi come “città di mare” èl’obiettivo strategico sul quale l’Amministrazione Comunale sta orientando una politica di rigenerazione e riqualificazione del waterfront, con la ricomposizione nel tessuto urbano di ampi settori del lungomare e lo sviluppo di nuove forme di fruizione pubblica del bacino portuale. L'articolo affronta queste tematiche illustrando i risultati di un workshop di progettazione organizzato dal laboratorio Sealine del Dipartimento di Architettura di Ferrara. I progetti hanno scelto alcuni luoghi emblematici sui quali hanno formulato una serie di ipotesi di progetto ispirate a tre “parole chiave”: riqualificazione, ricongiunzione, riappropriazione.

Brindisi città di mare

DI GIULIO, Roberto;EMANUELI, Luca
2010

Abstract

La riaffermazione dell’identità di Brindisi come “città di mare” èl’obiettivo strategico sul quale l’Amministrazione Comunale sta orientando una politica di rigenerazione e riqualificazione del waterfront, con la ricomposizione nel tessuto urbano di ampi settori del lungomare e lo sviluppo di nuove forme di fruizione pubblica del bacino portuale. L'articolo affronta queste tematiche illustrando i risultati di un workshop di progettazione organizzato dal laboratorio Sealine del Dipartimento di Architettura di Ferrara. I progetti hanno scelto alcuni luoghi emblematici sui quali hanno formulato una serie di ipotesi di progetto ispirate a tre “parole chiave”: riqualificazione, ricongiunzione, riappropriazione.
DI GIULIO, Roberto; Emanueli, Luca
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1405128
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact