Le nostre città contengono un patrimonio edilizio appartenente al “moderno” che non ha subito sostanziali riqualificazioni, ma che dovrà essere progressivamente adeguato agli standard abitativi odierni. Il recupero di questo consistente patrimonio pone, tra gli altri, il problema di doversi confrontare con insediamenti ed architetture dalle riconosciute qualità architettoniche ed urbanistiche; elemento questo, maggiormente vincolante negli interventi riguardanti il patrimonio Ina-Casa, caratterizzati da una visione organica dei quartieri, dove le chiare logiche insediative si sposano con tipologie edilizie dai caratteri innovativi. La scelta di approfondire la riqualificazione del quartiere Barca di Bologna, progettato dall’architetto Vaccaro durante il secondo settennio Ina-Casa, vuole costituirsi come proposta per una metodologia di intervento orientato al recupero del patrimonio edilizio del moderno, con l’obiettivo di renderlo applicabile anche ad altre realtà della stessa epoca. Le necessità di garantire un’adeguata sostenibilità ambientale ed abitativa in edifici progettati con standard ormai superati, vanno confrontate e misurate con il contesto di pregio, caratteristico per linguaggio e configurazione urbana, degli edifici progettati da Vaccaro.

Riqualificazione urbana, funzionale ed energetico-ambientale del quartiere Barca di Bologna

ARBIZZANI, Enrico;AVOSANI, Giovanni;CALZOLARI, Marta;MAGAROTTO, Luca;VANUCCI, Cristina
2010

Abstract

Le nostre città contengono un patrimonio edilizio appartenente al “moderno” che non ha subito sostanziali riqualificazioni, ma che dovrà essere progressivamente adeguato agli standard abitativi odierni. Il recupero di questo consistente patrimonio pone, tra gli altri, il problema di doversi confrontare con insediamenti ed architetture dalle riconosciute qualità architettoniche ed urbanistiche; elemento questo, maggiormente vincolante negli interventi riguardanti il patrimonio Ina-Casa, caratterizzati da una visione organica dei quartieri, dove le chiare logiche insediative si sposano con tipologie edilizie dai caratteri innovativi. La scelta di approfondire la riqualificazione del quartiere Barca di Bologna, progettato dall’architetto Vaccaro durante il secondo settennio Ina-Casa, vuole costituirsi come proposta per una metodologia di intervento orientato al recupero del patrimonio edilizio del moderno, con l’obiettivo di renderlo applicabile anche ad altre realtà della stessa epoca. Le necessità di garantire un’adeguata sostenibilità ambientale ed abitativa in edifici progettati con standard ormai superati, vanno confrontate e misurate con il contesto di pregio, caratteristico per linguaggio e configurazione urbana, degli edifici progettati da Vaccaro.
Arbizzani, Enrico; Avosani, Giovanni; Calzolari, Marta; Magarotto, Luca; Vanucci, Cristina
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1401601
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact