Affinché una civile abitazione possa essere considerata “prima casa”, e quindi beneficiare della disciplina fiscale a questa riconosciuta, è sufficiente che essa sia destinata a residenza della famiglia unitariamente considerata, senza che necessariamente uno dei coniugi (in regime di comunione legale) abbia la residenza nel comune in cui l’immobile stesso è localizzato.

Abitazione principale e requisito di residenza a confronto nella disciplina tributaria di agevolazione del nucleo familiare

GREGGI, Marco
2010

Abstract

Affinché una civile abitazione possa essere considerata “prima casa”, e quindi beneficiare della disciplina fiscale a questa riconosciuta, è sufficiente che essa sia destinata a residenza della famiglia unitariamente considerata, senza che necessariamente uno dei coniugi (in regime di comunione legale) abbia la residenza nel comune in cui l’immobile stesso è localizzato.
famiglia; abitazione principale; obbligo di dimora; prima casa; diritto tributario
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1396877
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact