Nell’area di Casalecchio di Reno sono state condotte indagini preventive dal Comune e dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici, su un’estensione di quasi 50 ettari, che hanno messo in luce testimonianze della frequentazione antropica dal Boreale al Subantlantico. La sequenza inizia con il Mesolitico e prosegue con l’abitato neolitico; tracce più modeste di età eneolitica e dell’età del bronzo. Rilevanti, invece, le testimonianze di età protostorica e storica. L’insediamento neolitico, collocabile nell’ambito della cultura di Fiorano, è stato indagato in due settori di scavo: nel primo, denominato “Parco Boschi” (440mq circa), sono state identificate più di 140 strutture tra pozzetti e buche di palo ed il secondo, più ampio (“lotto 6” 1680 mq ca.), ha restituito 8 complessi strutturali, un allineamento di buche di palo, vari pozzetti e oltre 400 buche di palo. In questa sede verranno presentati i risultati preliminari dello studio delle faune provenienti dai pozzetti di scarico dell’abitato neolitico. L’insieme faunistico è caratterizzato dalla prevalenza delle specie domestiche: i bovini sono il taxon più rappresentato seguito dai caprovini e dai suini. Tra le specie selvatiche si segnalano pochi resti di cervo e di lepre.

La gestione delle risorse animali in un sito del Neolitico antico: risultati preliminari dello studio archeozoologico delle faune di Casalecchio (BO).

ABUHELALEH, Bellal;THUN HOHENSTEIN, Ursula
2009

Abstract

Nell’area di Casalecchio di Reno sono state condotte indagini preventive dal Comune e dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici, su un’estensione di quasi 50 ettari, che hanno messo in luce testimonianze della frequentazione antropica dal Boreale al Subantlantico. La sequenza inizia con il Mesolitico e prosegue con l’abitato neolitico; tracce più modeste di età eneolitica e dell’età del bronzo. Rilevanti, invece, le testimonianze di età protostorica e storica. L’insediamento neolitico, collocabile nell’ambito della cultura di Fiorano, è stato indagato in due settori di scavo: nel primo, denominato “Parco Boschi” (440mq circa), sono state identificate più di 140 strutture tra pozzetti e buche di palo ed il secondo, più ampio (“lotto 6” 1680 mq ca.), ha restituito 8 complessi strutturali, un allineamento di buche di palo, vari pozzetti e oltre 400 buche di palo. In questa sede verranno presentati i risultati preliminari dello studio delle faune provenienti dai pozzetti di scarico dell’abitato neolitico. L’insieme faunistico è caratterizzato dalla prevalenza delle specie domestiche: i bovini sono il taxon più rappresentato seguito dai caprovini e dai suini. Tra le specie selvatiche si segnalano pochi resti di cervo e di lepre.
Faune; Archeozoologia; Neolitico antico
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1396124
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact