La Disputatio di Hans Rosenplüt fra gestualità, rabbini e vagabondi