Si analizza il significato dell'indubbio gusto arcaizzante mostrato da Celso figlio, che era orientato non soltanto alla 'riscoperta' della più risalente giurisprudenza ma anche a rivalutare chi aveva voluto 'imitare' gli antichi, almeno nel sermo e cioè Tuberone il Giovane. Tuttavia Giuvenzio Celso non era un erudito, acritico ammiratore della tradizione o un 'nostalgico' del passato. Ne era piuttosto un raffinato conoscitore, mostrando così di aderire a un'opzione culturale assai gradita all'imperatore Adriano.

L'arcaismo di Iuventius Celsus

SCARANO USSANI, Vincenzo
2005

Abstract

Si analizza il significato dell'indubbio gusto arcaizzante mostrato da Celso figlio, che era orientato non soltanto alla 'riscoperta' della più risalente giurisprudenza ma anche a rivalutare chi aveva voluto 'imitare' gli antichi, almeno nel sermo e cioè Tuberone il Giovane. Tuttavia Giuvenzio Celso non era un erudito, acritico ammiratore della tradizione o un 'nostalgico' del passato. Ne era piuttosto un raffinato conoscitore, mostrando così di aderire a un'opzione culturale assai gradita all'imperatore Adriano.
SCARANO USSANI, Vincenzo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1208994
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact