E’ stato studiato il comportamento a corrosione di due giunti, ottenuti con tecnica Friction Stir Welding (FSW), di compositi a matrice metallica in lega di alluminio, rinforzati con particelle di allumina. Sono stati esaminati giunti di compositi W6A20A e W7A10A. Le prove di corrosione sono state eseguite in soluzione EXCO ed in NaCl 3,5%. Sono state confrontate le velocità di corrosione dei compositi e dei giunti. Si sono eseguite prove di corrosione nel nocciolo di saldatura e sulla zona alterata termicamente. Sono stati misurati i potenziali di pitting su elettrodi preparati isolando le diverse zone. Sono state misurate correnti di corto circuito fra il nocciolo, la zona alterata termicamente e la base. I risultati hanno messo in evidenza il diverso comportamento dei due giunti: sul giunto W7A10 l’attacco corrosivo, sia nella soluzione EXCO che in cloruro di sodio 3,5% si concentra sul nocciolo e sulle zone ad esso adiacenti; sul giunto W6A20A il nocciolo rimane protetto mentre si corrodono le zone ad esso adiacenti e la base. Le misure elettrochimiche confermano questi risultati. La tecnica FSW, che produce giunti senza la formazione di una zona fusa, provoca comunque modifiche strutturali nelle zone prossime al nocciolo, a causa della maggior temperatura dovuta alla presenza del rinforzo, che influiscono negativamente sulla resistenza a corrosione del composito, anche in relazione alla composizione della lega base.

Comportamento a corrosione di giunti compositi a matrice metallica in lega di alluminio ottenuti con la tecnica di FSW.

ZUCCHI, Fabrizio;GRASSI, Vincenzo;MONTICELLI, Cecilia;FRIGNANI, Alessandro
2005

Abstract

E’ stato studiato il comportamento a corrosione di due giunti, ottenuti con tecnica Friction Stir Welding (FSW), di compositi a matrice metallica in lega di alluminio, rinforzati con particelle di allumina. Sono stati esaminati giunti di compositi W6A20A e W7A10A. Le prove di corrosione sono state eseguite in soluzione EXCO ed in NaCl 3,5%. Sono state confrontate le velocità di corrosione dei compositi e dei giunti. Si sono eseguite prove di corrosione nel nocciolo di saldatura e sulla zona alterata termicamente. Sono stati misurati i potenziali di pitting su elettrodi preparati isolando le diverse zone. Sono state misurate correnti di corto circuito fra il nocciolo, la zona alterata termicamente e la base. I risultati hanno messo in evidenza il diverso comportamento dei due giunti: sul giunto W7A10 l’attacco corrosivo, sia nella soluzione EXCO che in cloruro di sodio 3,5% si concentra sul nocciolo e sulle zone ad esso adiacenti; sul giunto W6A20A il nocciolo rimane protetto mentre si corrodono le zone ad esso adiacenti e la base. Le misure elettrochimiche confermano questi risultati. La tecnica FSW, che produce giunti senza la formazione di una zona fusa, provoca comunque modifiche strutturali nelle zone prossime al nocciolo, a causa della maggior temperatura dovuta alla presenza del rinforzo, che influiscono negativamente sulla resistenza a corrosione del composito, anche in relazione alla composizione della lega base.
Friction stir welding; Compositi a matrice di lega di alluminio; Corrosione; Soluzione EXCO; Soluzione di NaCl
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/1193601
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact