La "nuova" scuola secondaria superiore