I lavoratori svataggiati tra eguaglianza e diritto diseguale