Uso di inibitori delle Cicloossigenasi di tipo 2 come agenti atti a modificare la farmacoresistenza cellulare